Martedì, 25 Giugno 2024
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Calcio estero

Rivoluzione nella Nazionale di calcio femminile degli Stati Uniti d'America

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

rivoluzione statiuniti16
Dopo le ultime Olimpiadi e l'uscita prematura (ai quarti contro la Svezia allenata da Pia Sundhage, ex allenatrice USA) della squadra statunitense Jill Ellis, coach della nazionale, ha selezionato le 24 calciatrici per il "WNT camp" che inizierà a giorni in preparazione delle amichevoli contro la Svizzera del 19 e 23 Ottobre prossimo.
Tredici delle ventiquattro giocatrici convocate appartengono alla rosa che ha partecipato alle ultime Olimpiadi la novità è rappresentata dalle undici esordienti mai convocate in nazionale maggiore tutto ciò con l'obiettivo dichiarato della prossima Coppa del Mondo Femminile FIFA che si disputerà in Francia nel 2019.

Leggi tutto: Rivoluzione nella Nazionale di calcio femminile degli Stati Uniti d'America

Come procede il calcio femminile europeo: nasce il forum spagnolo “Donne e calcio”

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

spagna afe16
Nasce in Spagna l’iniziativa volta interamente alla crescita del calcio femminile: l’associazione dei calciatori spagnoli (Asociación de Futbolistas Españoles, AFE), e in particolare il comitato del calcio femminile, ha creato uno spazio web dedicato esclusivamente alla discussione sulla situazione delle donne in questo sport.
L’obiettivo di questo forum è specificatamente quello di incoraggiare la discussione, al fine di portare sempre più in voga il calcio femminile, e di stimolare il più possibile il suo sviluppo. La stessa presidentessa del comitato del calcio femminile, Fe Robles, ha dichiarato che “abbiamo bisogno di uno spazio di dialogo entro cui si parli esclusivamente di calcio femminile, delle sue particolarità e del suo futuro”, mettendo a chiare lettere l’obiettivo della piattaforma.

Leggi tutto: Come procede il calcio femminile europeo: nasce il forum spagnolo “Donne e calcio”

Tags: ,

Buon anniversario, calcio femminile!

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

1922 buonanniversario cf16
Inghilterra, 1922: periodo post-prima guerra mondiale. In quegli anni, per sopperire alle assenze degli uomini impegnati al fronte, molte donne inglesi venivano impiegate in attività come lavorare nelle numerose fabbriche distribuite sul territorio. Una di queste fabbriche era la “Dick Kerr”, stabilimento che produceva munizioni, nella città di Preston.
É proprio all’interno di tale fabbrica che nacque la squadra di calcio femminile delle “Signore Kerr”: molte donne occupate nel lavoro operaio passavano il tempo durante le pause pranzo giocando a calcio, finendo così per sviluppare una passione e un’abilità tale da inaugurare le sorti di uno sport che, tra alti e bassi, lotta tutt’oggi per affermarsi nel panorama mondiale.

Leggi tutto: Buon anniversario, calcio femminile!

Tags: ,

Svezia, FC Rosengard e Linkoping al comando della classifica

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

rosengard16
Le due formazioni dominano il campionato svedese con 31 punti collezionati con 10 vittorie e un pareggio.
Si giocheranno ancora due turni prima della pausa estiva e per le Olimpiadi in Brasile.

La classifica dopo il girone d'andata vede in testa FC Rosengård (campioni in carica) e Linköping con 31 punti, 13 punti in piu' di Piteå che si conferma terza forza del campionato come lo scorso anno. Campionato sotto le aspettative per l'Eskilstuna United (16 punti), la quale, lo scorso campionato, aveva terminato a un punto dalla vetta e partecipera' alla prossima Women's Champions Leaugue. Stessi punti per il Kopparbergs di Göteborg.
Interessante la lotta per non retrocedere, dove si trovano 6 sei squadre in tre punti. Tra queste la neopromossa Kvarnsvedens IF con la rivelazione Tabitha Chawinga gia' a segno 6 volte.

Leggi tutto: Svezia, FC Rosengard e Linkoping al comando della classifica

Un anno da record per Giustina Ronzetti

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

I ventitré gol di Giustina Ronzetti sono stati determinanti per regalare alle ragazze dell'Herforder il quarto posto in Bundesliga 2 in una stagione nella quale l'obiettivo principale era dimenticare la retrocessione dalla massima serie dello scorso anno.

 

La ventiquattrenne italiana ha chiuso la sua quinta stagione con la maglia dell'Herforder conquistando il suo record personale di reti segnate in un campionato, risultando anche la miglior marcatrice della divisione Nord. Molto meglio della collega Pfeiffer che con il Borussia M'gladbach ha primeggiato nella divisione Sud segnandone sedici. In questo senso il finale di stagione di Giustina è stato semplicemente sontuoso: nelle ultime cinque partite è andata a segno ben otto volte, collezionando una doppietta e una tripletta.

L'attaccante, che a dicembre ha firmato un biennale con la società tedesca, malgrado questi numeri decisamente importanti mostra tutta la sua umiltà. "Per me questo è il risultato di un duro lavoro e di tanto sudore assieme al fatto che cerco sempre di dare il massimo in campo e in allenamento. Ovviamente sono molto felice per i miei gol, ma questi alla fine sono semplici numeri e non sono importanti".

 

Per Giustina la stagione dell'Herforder è stata positiva dopo una retrocessione amara dalla Bundesliga ed una squadra impostata prevalentemente sulle giovani, dove è proprio Giustina una delle più rappresentative. "Il nostro risultato è stato buono, avevamo iniziato con una squadra molto giovane che il prossimo anno si ringiovanirà ancora di più poiché la società vuole costruire una buona rosa per il futuro. Chissà - prosegue Giustina - forse questo ci consentirà un giorno di tornare in prima divisione".

 

Per ottenere questo importante risultato Giustina ha lavorato duro, recuperando da un grave infortunio al ginocchio che l'ha costretta a restare ferma per buona parte della stagione vissuta in Bundesliga, e proprio per questo ora che il campionato è finito si godrà un po' di riposo prima di tornare a preparare la prossima stagione. "Ho continuato ad allenarmi in palestra perché adoro gli allenamenti. Oggi farò l'ultimo con la squadra e lunedì partirò per la Grecia, dove cercherò di dare al mio corpo e alla mia mente un po' di riposo in vista della prossima stagione".

 

 

Daniele Pompignoli

Twitter: @dpompignoli

Foto: Jaqueline Nolting

 

 

 

Al Watford la nuova sfida di Giulia Ferrandi

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

Ha giocato la prima partita ufficiale con la sua nuova squadra restando in campo per un'ora di fronte a più di seicento spettatori nella cornice tutta spettacolare del Vicarage Road di Watford. La nuova avventura inglese di Giulia Ferrandi (nella foto tratta dal profilo Twitter del Watford) è iniziata lunedì sera con la maglia giallonera della squadra allenata da Katie Rowson, che attualmente occupa l'ultima posizione della Seconda Divisione della Women's Super League e che è uscita sconfitta per 0-5 nella sfida contro le arancionere del London Bees.

Sarà dunque un'avventura - l'ennesima - all'insegna del duro lavoro quella di Giulia, ma la chiamata del Watford è allo stesso tempo la conferma di quanto l'attaccante italiana si sia fatta apprezzare oltremanica in meno di un anno.

Arrivata al West Ham United la scorsa estate assieme a Romina Pinna (ora in forza al Bari, nda) ed Erika Campesi, Giulia si era trasferita a stagione in corso al Brighton & Hove Albion, squadra che poi ha vinto la FA Southern Division (le ragazze del West Ham, invece, sono giunte terzultime).

L'avventura al Watford oltre a permettere a Giulia di avvicinarsi a casa (Brighton dista parecchi chilometri da Londra) le consentirà anche di continuare a giocare ed allenarsi, in quanto il campionato si svolge proprio nel periodo estivo per non sovrapporsi a quello maschile.

Il nuovo salto in avanti e l'arrivo in WSL2 permetterà anche a Giulia Ferrandi di giocare nell'anticamera della massima serie calcistica femminile inglese, dove sono le aziende a mettersi in fila per aggiudicarsi come testimonial le calciatrici dell'élite del calcio di Sua Maestà e dove la finale di FA Cup della scorsa settimana a Wembley ha portato sugli spalti quasi trentatremila spettatori.

Arrivarci è il sogno di tutte quelle ragazze che in Inghilterra ogni giorno corrono dietro a un pallone e, c'è da scommetterci, anche di Giulia che con il suo "devo lavorare molto" sembra voler lanciare l'ennesima sfida a se stessa. Una sfida da provare a vincere, ovviamente, come tutte quelle affrontate finora.

 

Daniele Pompignoli

Twitter: @dpompignoli

In trentatremila per la finale di FA Cup

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Con una rete di Danielle Carter l'Arsenal ieri ha vinto la sua quattordicesima Fa Cup femminile nel campionato inglese battendo di misura il Chelsea detentrice del titolo (le azzurre lo scorso anno avevano battuto il Nott's County).

Giocata nella splendida cornice di Wembley, la squadra biancorossa è riuscita ad aggiudicarsi la sfida contro le avversarie del Chelsea dimostrando maggior cinismo sotto porta con cinque tiri nello specchio contro l'unico delle avversarie.

È il terzo titolo nelle ultime quattro edizioni del trofeo per l'Arsenal, che nelle proprie bacheche ha una vera e propria collezione di quattordici di queste coppe. La seconda in ordine di numeri è il Southampton con otto.

La notizia che deve far riflettere, però, non è tanto quella del record di trofei dell'Arsenal, ma quello di pubblico che ha regalato questa finale, che ha visto il massimo storico di spettatori ottenuto lo scorso anno di 30.710 letteralmente stracciato di ben due mila unità.

L'immagine a corredo di questo articolo è eloquente: sugli spalti di Wembley ad assistere alla sfida tra le ragazze di Arsenal e Chelsea erano presenti 32.912 spettatori. Una crescita esponenziale se si pensa che l'edizione 2014 (giocata all'MK Stadium) fece registrare poco più di quindicimila presenze e quella del 2013 poco meno di cinquemila.

 

Daniele Pompignoli

Twitter: @dpompignoli

“JORDAN IS OUR PITCH”: YASMEEN KHAIR, ORGOGLIOSA AMBASCIATRICE FIFA

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

giordania yasmeen
Passare da star della ginnastica a calciatrice leader della nazionale del proprio Paese non è un’impresa semplice, e di sicuro non è una storia che si sente molto spesso. È invece accaduto in Giordania, dove Yasmeen Khair, stella nascente del calcio femminile, è stata scelta come ambasciatrice per i Mondiali femminili di calcio under17 del 2016, che si terranno proprio in Giordania.

Nonostante la giovane età Yasmeen ha già catturato l’attenzione dei suoi connazionali fin da quando era bambina: ha infatti rappresentato la Giordania per molti anni come ginnasta e ha dimostrato tutto il suo talento fin dalla tenera età, guadagnandosi il soprannome di ‘The Butterfly’, ovvero ‘La farfalla’.
Tuttavia il grande amore della giovane atleta è sempre stato il calcio. Scelse infatti la ginnastica in un momento in cui il calcio femminile era relativamente sconosciuto in Giordania, e non veniva praticato ufficialmente.

Leggi tutto: “JORDAN IS OUR PITCH”: YASMEEN KHAIR, ORGOGLIOSA AMBASCIATRICE FIFA

DOVE TI PORTA IL CALCIO: GIOVANNI COSTANTINO, DA MESSINA ALLA FINLANDIA

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

finlandia costantino16
Cosa spinge un giovane allenatore trentunenne, di origine siciliana, a trasferirsi a più di 3000 chilometri di distanza, nella città finlandese di Lemland? La risposta è la più semplice: l’amore per il calcio e la voglia di seguire una passione.
È questa la storia di Giovanni Costantino, nato a Messina nel 1984 e approdato alle isole Åland, situate nel mar Baltico come nuovo allenatore dell’ Åland United.
L'Åland United è la squadra di calcio femminile finlandese della città di Lemland, e milita dal 2005 nella Naisten Liiga, ovvero il più alto livello del campionato finlandese di calcio femminile. A partire dall’anno della promozione la squadra ha collezionato anche diversi successi, tra cui due vittorie del campionato (nel 2009 e nel 2013) e la qualificazione in Champions League nella stagione 2010-2011.

Leggi tutto: DOVE TI PORTA IL CALCIO: GIOVANNI COSTANTINO, DA MESSINA ALLA FINLANDIA

LA VETTA DEL CAMPIONATO FINLANDESE PARLA ITALIANO

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

selfie vittoria Aland
In Finlandia continua a sorprendere l'Aland di mister Giovanni Costantino, che dopo la vittoria ottenuta nei minuti finali sul campo dell'ONS viaggia a punteggio pieno assieme al PK-35 Vantaa e guarda tutte le altre squadre dall'alto dei suoi nove punti, frutto di tre vittorie in altrettante partite di campionato.
Nella trasferta di Oulu la squadra dell'allenatore messinese ha ottenuto la vittoria nei minuti finali grazie alla rete su rigore all'88' della statunitense Briana Campos che ha bissato quello che la camerunense Raissa Feudjio aveva segnato al 34' aprendo le marcature prima che la gara fosse rimessa in equilibrio da Onna Ketola per le padrone di casa al 51'.
Il risultato di misura potrebbe far pensare ad una gara combattuta. La squadra di Costantino ha invece macinato gioco e collezionato diverse occasioni, ma una prestazione maiuscola della portiere avversaria Janina Kuoksa ed una disattenzione difensiva sono sfociate nel pareggio delle biancorosse avversarie, prima del rigore trasformato da Campos proprio a due minuti dal triplice fischio dell'arbitro.

 

Daniele Pompignoli

 

Pagina 4 di 13

Category

Author

Ricerca Articoli

Keyword

Category

Author

Date

calciodonne252

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze il 15 settembre 2016  n. 6032.
Direttore Walter Pettinati - PROMOITALIA Editore.

Please publish modules in offcanvas position.